giovedì 27 febbraio 2020

VITTUONE Le dimissioni di Colombo hanno dato il definitivo colpo di grazia all'amministrazione Zancanaro?

Il destino dell'amministrazione comunale, dopo le dimissioni del consigliere e capogruppo della maggioranza Gianmarco Colombo, salvo colpi di scena, appare segnato. Sì, perché maggioranza (sempreché Giancarlo Bernacchi non si dimetta come corre voce, altrimenti sarebbe già sotto) e opposizione sono in perfetto equilibrio numerico (6 seggi ciascuna). E basta che l'opposizione non entri aula quando sarà convocato il consiglio comunale per rendere impossibile la surroga del dimissionario Colombo con Natascia Portalupi, che ha già accettato di subentrargli. Uno scoglio invalicabile, che non lascia molte speranze al sindaco Stefano Zancanaro e ai suoi sodali di uscire indenni dal caos in cui si sono cacciati. La via d'uscita sarebbe quella di conquistare alla causa una stampella, ma è impossibile.

CORNAREDO Il Comune ha pubblicato i bandi che regolano l'iscrizione dei bambini agli asili nido per l'anno educativo 2020/2021

L'amministrazione comunale ha approvato i tre bandi (asilo nido di via Imbriani, asilo nido di San Pietro all’Olmo e sezione "primavera") che regolano il periodo e la modalità di presentazione delle domande di ammissione ai servizi per l’anno educativo 2020/2021. Anche l’asilo nido di San Pietro all’Olmo, ubicato nella scuola materna paritaria di via Marconi 7, da settembre 2016, è di gestione comunale. Il regolamento per l'asilo nido stabilisce che, fermo restando la ricettività dell’asilo nido comunale è di 60 posti (incrementabili del 20% massimo), il numero complessivo e l’età dei frequentanti del servizio dev'essere compatibile con l’organico e le vigenti disposizioni nazionali e regionali in merito, compresi i casi particolari, come la presenza di bambini diversamente abili.  La giunta sulla base di tali considerazioni è chiamata a stabilire annualmente il numero di posti disponibili.

BAREGGIO "Ai 'professori' di Io amo Bareggio dico che in 5 anni di governo non hanno fatto nulla e per di più hanno lasciato il paese allo sbando"

Lorenzo Paietta
Il vicesindaco Lorenzo Paietta non ci sta alle critiche del gruppo Io amo Bareggio e replica a muso duro con questa nota che ricevo e pubblico. Permettetemi una considerazione: se i signori di Io amo Bareggio, per due mesi, hanno “osservato” un divano abbandonato senza avvisare nessuno non hanno fatto il loro dovere di cittadini ma, ancora una volta, hanno anteposto il loro tornaconto elettorale al bene comune. Perché per un paese pulito serve l'impegno dell'amministrazione comunale ma è fondamentale anche la collaborazione di tutti cittadini nel segnalare tempestivamente abbandoni e discariche abusive sul territorio. Collaborazione che, in questo caso, non c'è stata per meri scopi politici. Sarebbe bastato utilizzare la nostra App 1Safe ed effettuare la segnalazione, ma evidentemente a loro non interessa... i loro obiettivi sono altri. A questi signori, da cui non devo certo prendere lezioni visto il loro operato inesistente in questi anni, rispondo ancora una volta con i fatti e i dati certi.

SEDRIANO Coronavirus, in quarantena i pensionati sedrianesi che erano ospiti in un albergo di Alassio

Se non se l'aspettavano di vivere una vacanza, anche se breve, in quarantena, invece loro malgrado vi sono finiti in pieno. E sì, la comitiva di anziani dell'Associazione pensionati sedrianesi, che si trovava ospite all'hotel "Bel Sit" ad Alassio, in Liguria, è stata messa da martedì in isolamento per via di un'anziana lodigiana, ospite anch’ella nel medesimo albergo, che è risultata positiva al Codiv-19. Il che ha fatto scattare le misure precauzionali. Le condizioni di salute dei 12 pensionati sedrianesi sono buone, ma non possono tornare a casa essendo stati posti in quarantena per 15 giorni. Una situazione inaspettata, ma tant’è. Il tutto, perché una 72enne residente a Castiglione d'Adda era in albergo col medesimo gruppo di anziani.

mercoledì 26 febbraio 2020

SEDRIANO “Se anche per i lavori della viabilità del centro si replica quanto già avvenuto per la ristrutturazione della biblioteca c’è da allarmarsi”

Se anche per la riqualificazione della viabilità del centro valgono  i criteri adottati per la biblioteca c’è da preoccuparsi, e parecchio. A lanciare il monito è Sinistra di Sedriano. Il motivo? Il 7 ottobre -spiega SdS- veniva pubblicato il video, su Facebook, di una persona diversamente abile che dimostrava, inequivocabilmente, le difficoltà di accedere alla biblioteca, appena ristrutturata. Chiunque si sarebbe aspettato un pronto intervento tecnico risolutivo per consentire a chiunque di entrare agevolmente senza chiedere l'aiuto di terze persone. Ingenui o grulli? Il primo cittadino -continua SdS- con la consueta sensibilità, empatia e disponibilità faceva sapere che le opere erano state eseguite in conformità alle norme e regolamenti vigenti e, dunque, era tutto in regola. Quindi a distanza di mesi nessuno ha fatto nulla e nessuno pensa neppure di porvi rimedio. Normale, normalissimo atteggiamento burocratico. La forma mentis del signor Cipriani -aggiunge SdS- risulta essere, se ancora persistono dei dubbi, perfettamente allineata e conforme a questi stereotipi amministrativi francamente superati, anacronistici.

BAREGGIO Mercato: sì al servizio, ma limitato ai prodotti alimentari. Misura per tutelare la salute

L'amministrazione comunale, dopo un'attenta serie di valutazioni, ha deciso di dare disco verde allo svolgimento del mercato di domani, giovedì 27 febbraio, ma riservandolo unicamente alle bancarelle di alimentari. L'obiettivo è quello di evitare assembramenti di persone ma, allo stesso tempo, di limitare i danni per gli ambulanti e di assicurare un servizio fruito soprattutto dalla popolazione anziana per l'acquisto di beni di prima necessità. “L'ordinanza ministeriale -dichiara il sindaco Linda Colombo- dà disposizioni per i supermercati all'interno dei centri commerciali e i mercati, vietandone apertura e/o svolgimento il sabato e la domenica . Per il resto della settimana viene lasciata libera scelta ai sindaci, che valutano in base alla specifica situazione dei loro Comuni.

BAREGGIO "Il decoro del paese? Un disastro, nonostante droni, telecamere e vigili messi in campo dal Comune"

Il gruppo Io amo Bareggio  è intervenuto per dire la sua sul decoro urbano che, a suo giudizio, lascia desiderare, nonostante telecamere, droni e vigilanza urbana. E in questa nota che pubblico manifesta il suo disappunto. Fermo restando la poca civiltà delle persone che buttano rifiuti di ogni tipo per le strade del nostro paese ci si domanda a cosa serve l’apporto di telecamere, droni, vigili e quant’altro messo in campo dall’amministrazione leghista di Bareggio per colpire in maniera decisa e non saltuaria questo fenomeno. La pulizia delle strade è sotto gli occhi di tutti e non commentiamo ulteriormente, nei campi nelle strade di campagna si trova plastica come non mai; c’è gente che brucia tutti i giorni qualsiasi cosa e naturalmente nessuno vede niente. Vi vogliamo raccontare un episodio di recente accaduto che a nostro avviso fotografa la situazione dell’inefficacia delle misure fin qui adottate.

martedì 25 febbraio 2020

SEDRIANO Via Padre Pio, nuova viabilità: doppio senso di marcia, attraversamenti pedonali e stalli di sosta

La via Padre Pio è stata allargata nel tratto di strada curvilineo compreso tra piazza Gandhi e l’uscita del centro commerciale Bennet. Da qui è sorta la necessità di modificare l’attuale situazione viabilistica per meglio regolamentare sia la fruizione del nuovo servizio offerto da Bennet che il raggiungimento delle vie poste a ovest rispetto piazza Gandhi. Poi i dati dei flussi di traffico rilevati sulla via Fagnani impongono soluzioni che permettano di diminuire il numero dei veicoli transitanti sulla via.  Una buona ragione per addivenire ad una nuova regolamentazione del traffico. L'amministrazione comunale ha perciò ridefinito nel seguente modo la circolazione in via Padre Pio: 

BAREGGIO Tre negozi gestiti da cinesi chiudono per la sicurezza propria e dei clienti. Negativa ai test la donna ricoverata in ospedale con sintomi sospetti

Nessuna autorità gli ha ingiunto di chiudere gli esercizi, ma evidentemente per propria sensibilità hanno preferito calare la saracinesca dei loro negozi in attesa di capire come si evolva l'epidemia. Infatti il bar Barella, il bazar e il negozio di parrucchiere, che insistono nella adiacenze del municipio, gestiti da cinesi, hanno sospeso per precauzione l'attività. Un cartello apparso sulla saracinesca informa che "per la sicurezza nostra e dei clienti" l'esercizio è chiuso "per qualche giorno" e che riaprirà "quando la situazione si calmerà". Un gesto che ha sorpreso, visto che i cinesi sono instancabili lavoratori e non si fermano mai, ma tant'è. Il coronavirus fa davvero paura. Certo è che i gestori, consapevoli di venire in contatto con tante persone, hanno deciso che la chiusura sarebbe stata la scelta migliore per scongiurare rischi.

lunedì 24 febbraio 2020

VITTUONE La maggioranza perde un altro pezzo, si è dimesso il capogruppo Colombo. Ora la sua sopravvivenza è appesa a un filo sottilissimo

Gianmarco Colombo
La maggioranza adesso sembra proprio appesa a un filo sottilissimo. Sì, perché stando ad ambienti del municipio il capogruppo della maggioranza Gianmarco Colombo avrebbe nel corso della giornata gettato la spugna. Insomma si sarebbe dimesso con la formula di rito degli impegni personali e di lavoro. Ma la scelta sarebbe stata invece dettata dalla consapevolezza che andare avanti come si è fatto sinora, ovvero navigando a vista, non avrebbe molto senso. Meglio tirarsi fuori che restare invischiato nell'immobilismo. Se l’unica superstite dei non eletti Natascia Portalupi accettasse di rimpiazzarlo la compagine avrebbe ancora la maggioranza, ma sarebbe un vivacchiare incerto in attesa del prossimo inciampo. Ma si dice anche che il consigliere Giancarlo Bernacchi sarebbe pronto a dimettersi. Se lo facesse per  il sindaco Stefano Zancanaro sarebbe la fine traumatica del suo mandato.

VITTUONE Coronavirus: solo contatti telefonici con il municipio, scuole chiuse, manifestazioni sospese e locali pubblici chiusi dalle 18 alle 6

Dal municipio sono state comunicate le modalità di comportamento che i cittadini sono tenuti a osservare da oggi, lunedì 24, a domenica 1° marzo. Anzitutto sono invitati a frequentare gli uffici comunali solo per necessità concrete e urgenti e ricorrere alla consultazione telefonica per tutte le altre circostanze. Poi a seguito degli ultimi sviluppi sulla diffusione del Coronavirus in Lombardia sono state comunicate le disposizioni in merito:  
a) sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi, privati e aperti al pubblico, programmati per la settimana;  

BAREGGIO Il Comune ha istituito l'email per dare la possibilità ai cittadini di scrivere per qualsiasi informazione o dubbio sulla gestione dell'emergenza

L'amministrazione comunale, come promesso, ha attivato la mail coronavirus@comune.bareggio.mi.it, alla quale possono scrivere tutti i cittadini di Bareggio per qualsiasi informazione o dubbio sulla gestione dell'emergenza.  L'invito, ribadisce il sindaco Linda Colombo, è quello di attenersi alle disposizioni date dal Ministero e dalla Regione e di evitare di diffondere allarmismi e fake news, che in questo momento non servono. Il sindaco comunica inoltre che tutti i servizi erogati dal Comune di Bareggio sono aperti all’utenza. Gli uffici saranno raggiungibili telefonicamente (nei rispettivi orari di apertura), a mezzo posta elettronica ordinaria e certificata.

CORNAREDO Coronavirus, Santagostino: "Ordinanza molto restrittiva sino al 1° marzo"

Il primo cittadino Yuri Santagostino sulla scia della riunione in Regione Lombardia con tutti i sindaci lombardi informa sull'ordinanza regionale e sul protocollo informativo. È molto restrittiva e prevede fino a domenica 1° marzo
- sospensione di tutte le manifestazioni e gli eventi, ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico 
- chiusura delle scuole (non solo sospensione delle lezioni) di ogni ordine e grado 
- chiusura al pubblico di musei e luoghi della cultura, compresi i cinema 
- sospensione di tutte le procedure concorsuali presso le amministrazioni pubbliche 
- i bar dovranno chiudere dalle 18 alle 6, così come sale scommesse e sale slot, possono rimanere invece aperti i ristoranti 
- i centri commerciali saranno chiusi sabato e domenica, mentre rimaranno aperte sempre le attività che vendono generi alimentari, è da approfondire l’apertura dei mercati settimanali comunali 

BAREGGIO Coronavirus: scuole chiuse per tutta la settimana, manifestazioni annullate, una mail in municipio per ogni dubbio

Per l'emergenza Coronavirus anche a Bareggio scuole chiuse per una settimana secondo la disposizione del Ministro della Salute Roberto Speranza d'intesa con il presidente di Regione Lombardia Attilio FontanaIl documento, firmato in serata e spedito a tutti i Comuni per opportuna diffusione, prevede la chiusura dei nidi, dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado. Inoltre, la sospensione di iniziative e manifestazioni in luogo pubblico o privato, compresi gli eventi religiosi. Per quanto concerne le attività commerciali, saranno aperte quelle per l'acquisto dei beni di prima necessità, mentre bar, locali ed esercizi di intrattenimento chiuderanno alle 18A Bareggio resteranno aperti anche tutti gli uffici comunali.

domenica 23 febbraio 2020

BAREGGIO Biblioteca, orari più ampi per lo studio: sondaggio delle liste civiche fra gli under 30 per raccogliere indicazioni e suggerimenti

Francesco Restelli
La biblioteca è un punto di ritrovo per tanti giovani che studiano. Da qui la proposta delle liste civiche Bareggio nel cuore e Gente di Bareggio di ampliare gli orari di apertura per far sì che gli studenti abbiano maggiore disponibilità per le loro esigenze. L'amministrazione comunale si è dimostrata disponibile a collaborare per dare sbocco all'iniziativa. E le liste civiche per capire meglio le necessità dell'utenza ha promosso un sondaggio fra i giovani under 30 che frequentano la biblioteca. E in questa nota di Francesco Restelli delle liste civiche che ricevo e pubblico viene dato conto dell'iniziativa.

sabato 22 febbraio 2020

SAN MARTINO Oratorio, una grande festa di Carnevale in maschera con premiazione del vestito più bello

Una grande festa di Carnevale in maschera. L'evento è in programma per sabato 29, alle 19,45, in oratorio con l'apericena di Carnevale. Una serata  divertente con animazione e premiazione del vestito più bello e creativo. Le adesioni sino a mercoledì 26 nelle segreterie degli oratori.

VITTUONE “Per il bene del paese, Zancanaro si dimetta senza indugi per far ritornare i cittadini alle urne"

Le opposizioni (Gruppo misto, Insieme per Vittuone e ViviAmo Vittuone) non intendono fare da stampella alla claudicante maggioranza ed esortano il sindaco a un gesto di doveroso coraggio, ovvero dimettersi per andare al più presto alle urne. E in questa nota che ricevo e pubblico spiegano le ragioni per le quali il primo cittadino deve gettare la spugna. Il consiglio comunale di giovedì 20 febbraio, durante il quale avrebbe dovuto essere presentato il bilancio di previsione 2020-2022, ha confermato quello che sosteniamo da tempo: la maggioranza, guidata dal sindaco Stefano Zancanaro, non ha più i numeri per governare. La seduta del consiglio comunale, infatti, è andata deserta perché un consigliere di maggioranza, Gianmarco Colombo (aveva avvisato che non sarebbe potuto essere presente giovedì 20, ma evidentemente la maggioranza ha voluto sfidare l’impossibile con un atto muscolare senza la forza dei numeri [n.d.r.]), non era presente. L’amministrazione si regge su un solo voto e mancando un consigliere la maggioranza non aveva i numeri per garantire lo svolgimento della seduta. I consiglieri di minoranza, di fronte a questa ennesimo episodio, hanno deciso di non entrare in aula per non appoggiare una maggioranza ormai allo sbando.

venerdì 21 febbraio 2020

CORNAREDO Carnevale in oratorio con musica, danze, karaoke, cena e tanto divertimento

Carnevale in maschera all'insegna di musica e karaoke con gli oratori cittadini. L'appuntamento è per giovedì 27, alle 20, in oratorio San Luigi di San Pietro all'Olmo all'insegna del divertimento. La manifestazione fa da prologo alla sfilata che andrà in scena sabato 29 con il ritrovo dei gruppi in via dei Mille (parcheggio dell'ufficio tecnico comunale). Le prenotazioni per la cena nei bar degli oratori.

BAREGGIO Cava Bergamini, il nuovo operatore sta adempiendo agli obblighi convenzionali? La lista Bareggio 2013 “interroga” la giunta Colombo

La lista civica Bareggio 2013 vuole sapere di più sulla cava Bergamina. E ha presentato un'interrogazione per sollecitare chiarimenti sulla ripresa dell'attività estrattiva a seguito al subentro di un nuovo operatore.  E in questa nota che pubblico la lista spiega i motivi della sua presa di posizione. Nel bilancio di previsione dal 2020 al 2022 la giunta Colombo ha previsto tra le entrate 40.000 euro sul 2020 e 100.000 euro su ciascuno degli anni a seguire, 2021 e 2022. Si tratta dei proventi che la società autorizzata dalla Città Metropolitana dovrà versare al Comune per i metri cubi di materiale che estrae dalla cava in zona Cascina Bergamina: oltre 350.000 mc per la prima fase di escavazione e altri 425.000 per la seconda fase. L'attività estrattiva è dunque ripresa dopo il rinnovo, a maggio del 2017, della convenzione tra il cavatore e il Comune e l'autorizzazione rilasciata a novembre 2017 dalla Città Metropolitana. Tuttavia, mentre fino all'arrivo del sindaco Colombo c’era una commissione comunale ad hoc sulla cava, con l'attuale legislatura, iniziata a luglio 2018, la scelta della maggioranza (Lega e Forza Italia) è stata di non istituire alcuna commissione.

giovedì 20 febbraio 2020

VITTUONE Maggioranza senza numero legale sul bilancio, ora Zancanaro rischia di andare a casa anzitempo

L’amministrazione Zancanaro scivola sul bilancio e ora è sulla graticola. Sì, perché non riuscendo a garantire nella seduta andata in scena proprio stasera, alle 21, il numero legale per l’assenza di consiglieri di maggioranza e per la defezione al completo della minoranza, rischia di concludere anzitempo il mandato. I margini per salvarsi in extremis sono ristretti per via dei tempi burocratici, poiché bisogna convocare un nuovo consiglio comunale e nel frattempo le cose potrebbero complicarsi parecchio e sforare i termini per approvare l’esercizio. Certo che l’assenza dei consiglieri di maggioranza è un segnale che nella compagine non tutto fila liscio come l’olio. La situazione non è rosea per l’amministrazione comunale che pure pensava di procedere a gonfie vele tanto che il sindaco ha incautamente confidato alla stampa che Livio Fagnani era pronto a rientrare in maggioranza. Errore, grave errore, Fagnani non solo non ha mai manifestato alcuna volontà di ritornare sui suoi passi, ma è rimasto fuori dall’aula per dargli il colpo di grazia.