domenica 3 maggio 2015

BAREGGIO Colombo (Voi con noi): "L'enorme avanzo è la conferma della giustezza delle nostre spietate critiche all'incapacità di amministrare del sindaco Lonati"

Abbiamo purtroppo un’amministrazione comunale ogni giorno sempre meno trasparente e meno disposta alla partecipazione. Due argomenti cui chi è democratico non dovrebbe essere disposto a rinunciare, ma così non è per il sindaco  Giancarlo Lonati. Si chiude in questi giorni il rendiconto dell’amministrazione per l’esercizio anno 2014. E purtroppo si chiude con un avanzo di circa 1.600.000 euro. Un milione e seicentomila euro. Più di tre miliardi delle vecchie lire. Una somma veramente importante, esagerata. Questo è il risultato dell’amministrazione Lonati a quasi due anni dal suo insediamento. Purtroppo la spietata conferma della nostra criticità per le capacità di governo e di amministrare del sindaco che ha preferito escluderci dall’amministrazione proprio perché non eravamo d’accordo con le modalità che hanno portato a questo risultato.
Durante le due riunione della commissione bilancio tenutesi la scorsa settimana i presenti hanno purtroppo dovuto assistere a situazioni imbarazzanti e vergognose. I comportamenti del sindaco e dei suoi assessori hanno dato dimostrazione di incapacità e sono stati a dir poco scorretti sia politicamente sia eticamente. Infatti, alle diverse domande dei vari commissari riguardanti l’importante somma dell’avanzo non hanno saputo dare risposte concrete ed esaustive, non sono stati in grado di dare spiegazioni. Ciò è stato veramente imbarazzante e vergognoso. Chi governa e amministra una comunità ha l’obbligo civico e morale di dare concrete risposte e giustificazioni ai rappresentanti dei cittadini, ai consiglieri comunali e ai commissari ma evidentemente il sindaco e i suoi assessori ritengono che la trasparenza e la partecipazione siano un fastidio. Noi invece riteniamo siano valori irrinunciabili per la democrazia. Ora ci domandiamo se sia onesto aver preso degli impegni con i cittadini per essere eletti e poi disattenderli. Questo perché la trasparenza e la partecipazione sono stati argomenti qualificanti della campagna elettorale del sindaco. Ci chiediamo se sia onesto fare dei “bei discorsi”, tra l’altro fuori luogo e fuori tema, in occasione di importanti ricorrenze per poi essere incapaci di gestire la normalità. Noi crediamo sia un comportamento disonesto disattendere gli impegni presi in merito di trasparenza e partecipazione e grave ritenere questi due importanti argomenti un fastidio. Crediamo che i “bei discorsi” non servono a nulla se non ad automagnificare chi li fa. Tutti noi cittadini chiediamo a chi ci amministra competenza e capacità che purtroppo mancano visti i risultati. Crediamo anche che per piacere al nostro sindaco anziché avere professionalità, competenza e capacità, purtroppo si debba non essere all’altezza del ruolo che si ricopre, visti i cambiamenti che ha voluto operare nella sua maggioranza e nella sua giunta. Purtroppo tutto ciò è successo e avviene a discapito dei cittadini, dell’interesse collettivo della comunità.

Nessun commento :

Posta un commento