giovedì 10 gennaio 2019

VITTUONE Il falò di sant'Antonio, la tradizione è salva. Il Comune ha autorizzato l'accensione, anche se con prescrizioni

Sì, all'accensione del falò di Sant'Antonio, ma a certe condizioni. L'amministrazione comunale, riconoscendo che la ricorrenza del 17 gennaio ha un particolare valore simbolico e per di più è espressione delle tradizioni lombarde, ha autorizzato con decreto sindacale il falò. Ma nel rispetto di tutte le norme in materia di sicurezza e dell'ambiente. Una condizione sine qua non per festeggiare la ricorrenza. Ma quali sono le prescrizioni a cui attenersi? Anzitutto l'accensione del falò deve avvenire in ambiente aperto e in ottemperanza della normativa sull'ambiente e sulla sicurezza dei cittadini. Poi è necessaria la presenza di personale preposto al servizio di vigilanza e al pronto intervento e gli spettatori vanno tenuti a debita a distanza, nonché evitata la caduta di scorie incandescenti sulle abitazioni e/o su altri immobili.
Non è tutto. Il materiale da bruciare deve essere legnoso e non trattato e dulcis in fundo al termine della manifestazione va eseguita la bonifica dell'area interessata. Piccoli e opportuni accorgimenti opportuni, ma che salvaguardano il rito e valorizzano la tradizione.

Nessun commento :

Posta un commento