giovedì 12 settembre 2019

SEDRIANO "La polizia locale non si occupa solo di 'divieti di sosta', ma anche d'altro"

Ricevo e pubblico questa nota dell'amministrazione comunale sull'attività della polizia locale nel mese di agosto e di questi primi giorni di settembre.
Riguardo alle solite ed inutili polemiche riguardanti il GP d’Italia di F1, è doveroso evidenziare che tale servizio di supporto al Comune di Biassono, esistente da molti anni, ma evidentemente qualcuno se n’è accorto solo quando abbiamo cominciato a governare noi. Proprio noi che abbiamo portato gli agenti della polizia locale da 6 a 9. Comunque il servizio in questione è previsto dalle normative statali e regionali. Gli agenti della polizia locale impegnati in questo servizio sono stati 2 venerdì, 1 sabato e 3 domenica. Tale disponibilità nei confronti della polizia locale di Biassono non ha pregiudicato in nessun modo i servizi ordinari né quelli che sono stati svolti per la festa patronale della Roveda. Si coglie l’occasione per comunicare brevemente l’attività svolta dagli agenti di Sedriano nel mese di agosto ed i primi giorni di settembre.
Martedì 27 agosto 2019, alle 16.45 circa, durante il servizio di controllo del territorio, percorrendo la SP ex Statale 11, gli agenti notavano una vettura il cui conducente, procedendo ad alta velocità in direzione Bareggio, effettuava una serie di sorpassi vietati e pericolosi. Prontamente gli veniva intimato l’alt ma, alla vista del veicolo di servizio, il conducente cercava di allontanarsi per sottrarsi al controllo. Dopo un breve inseguimento, veniva fermato ed identificato. Gli accertamenti permettevano di identificare il soggetto (italiano di 58 anni), si accertava che era residente nella zona ed era sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. E’ stato deferito all’autorità giudiziaria. Martedì 3 settembre 2019, alle 8, operatori del comando in servizio di controllo del territorio, notavano un veicolo transitare con andatura anomala ed alta velocità. Fermato il veicolo accertavano che il conducente (italiano di 27 anni), residente nella zona, aveva un comportamento tale da far supporre che fosse in stato di ebbrezza alcolica. Sottoposto ad etilometro si accertava la positività con un tasso di circa 1,5 più alto del consentito. Il soggetto, che durante gli accertamenti cercava di aggredire gli operatori, veniva denunciato alla Procura della Repubblica del Tribunale Ordinario di Milano, per guida in stato di ebbrezza, per violenza e resistenza a pubblico ufficiale, mentre la patente gli è stata ritirata e trasmessa alla Prefettura di Milano. Inoltre sono continuati i servizi di controllo del territorio effettuati anche in abiti borghesi, che hanno permesso di accertare violazioni per condotte pericolose per la sicurezza delle persone quali per esempio l’utilizzo del cellulare, velocità pericolose, sorpassi alle intersezioni e ai semafori. Sono state 9 le patenti di guida ritirate mentre il totale delle sole sanzioni per condotte pericolose è stato di 36. Infine, i controlli hanno interessato anche il contrasto al degrado urbano, sono state contestate 4 violazioni per abbandono di rifiuti (anche grazie alle foto-trappole); n. 9 sanzioni per il contrasto alla prostituzione su strada, n. 1 violazione per accattonaggio molesto. Il comandante e l’amministrazione elogiando tutti gli operatori coinvolti, esprimono soddisfazione per i risultati sopra menzionati, risultati che dimostrano che la polizia locale non è solo “divieti di sosta”.

Nessun commento :

Posta un commento