giovedì 5 settembre 2019

SEDRIANO "Troppi insulti gratuiti", il sindaco Cipriani non ci sta e sporge denuncia-querela contro SdS

Angelo Cipriani
Spuntano le carte bollate nella vita politico-amministrativa sedrianese. Il sindaco Angelo Cipriani evidentemente non potendone più degli attacchi di Sinistra di Sedriano, giudicati dal suo punto di vista offensivi e al di là della legittima critica politica, è passato alla controffensiva. Infatti 1° agosto scorso ha sporto denuncia/querela nei confronti dei componenti del gruppo politico SdS. E a darne notizia è lui stesso e in questa nota che pubblico spiega le ragioni della sua drastica presa di posizione. Per comprendere tale decisione, bisogna comprendere il clima che ha portato alla frase “Cipriani indecente”, oggetto della denuncia/querela; infatti non è altro che l’ennesimo “insulto gratuito” di cui sono destinatario da oltre 3 anni, sul social “Facebook” e giornali locali “Settegiorni” e “Altomilanese” da parte di alcuni esponenti politici del territorio e di un piccolo gruppo di loro amici, simpatizzanti e familiari, che troppo spesso dimenticano che il dissenso è legittimo e comprensibile, ma c’è un limite di civiltà, educazione e buonsenso che non dovrebbe mai essere superato.
Infatti, io e la “mia” amministrazione non ci siamo macchiati di nessun reato, bensì la nostra “colpa” è di compiere scelte non condivise dai partiti di opposizione, ma ben gradite a molti cittadini. E’ fondamentale sapere che contro tutte queste persone, pur avendone le motivazioni, non ho mai sporto denunce nella speranza che tale accanimento e tali toni potessero placarsi, purtroppo il mio “non agire” non è stato interpretato come una chance per smetterla, bensì come un atteggiamento di “debolezza”. I toni con cui viene rappresentato il dissenso nei confronti miei e dell’amministrazione che rappresento, sono riscontrabili da chiunque che con un po’ di buona volontà e pazienza, vuole cercare tra i post ed i commenti sul social Facebook e precisamente, nelle pagine “Matrix revolution”, “Sedriano secondo noi”, “Sedriano punto e a capo” e “SdS Sinistra di Sedriano”. Inoltre, è importante evidenziare che gli stessi esponenti di SdS, nel 2017 sporsero querela per diffamazione nei miei confronti, questione mai finita in giudizio ed archiviata; gli esponenti si opposero senza successo alla richiesta di archiviazione da parte del P.M. e sarà importante sapere che nonostante questo, non ho mai sporto contro-querela, proprio nella speranza che certi toni si placassero… purtroppo senza alcun risultato. Spero che questa sia la prima e l’ultima azione legale che sono costretto a intraprendere per tutelare l’immagine della mia persona e di tutta l’amministrazione che rappresento.                                                                                             

Nessun commento :

Posta un commento