Visualizzazione post con etichetta biglietto unico integrato. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta biglietto unico integrato. Mostra tutti i post

martedì 16 luglio 2019

CORNAREDO Biglietto unico, una piccola rivoluzione: riduzione del costo dei biglietti singoli e degli abbonamenti e nessuna distinzione tariffaria fra capoluogo e frazione

C'è soddisfazione in municipio per l'introduzione del biglietto unico. Il sindaco Yuri Santagostino definisce la novità, che ha preso il via proprio ieri, una piccola rivoluzione per il trasporto pubblico locale. E aggiunge che per Cornaredo  "questo passaggio significa molti cambiamenti all’attuale sistema e all’attuale servizio: semplificazione tariffaria all’interno del Comune, senza più distinzione se partenza e arrivo sono a Cornaredo/San Pietro all’Olmo/Cascina Croce; riduzione di quasi tutti i biglietti singoli e abbonamenti verso Milano, Rho e Magenta (in questo caso con il nuovo sistema l’unico aumento c’è per chi utilizza la tratta San Pietro all’Olmo-Magenta a causa della riorganizzazione in zone); agevolazioni specifiche per alcune categorie (giovani, anziani, fasce fragili), possibilità di riutilizzare i biglietti all’interno di un unico arco temporale". Tutte le informazioni si trovano sul sito www.atm-mi.it. 

venerdì 25 gennaio 2019

BAREGGIO Biglietto unico integrato, Bussolati (Pd) tranchant: "Ennesimo voltafaccia della Regione"

Pietro Bussolati
Ricevo e pubblico questa nota del consigliere regionale Pietro Bussolati (Pd) in cui accusa M5S, Lega e Forza Italia di voltafaccia sul biglietto unico integrato.
Il biglietto unico integrato porterebbe una riduzione del costo degli abbonamenti in tutta Milano metropolitana, Monza e Brianza, Pavia, Lodi e la comodità per tutti i cittadini di utilizzo dello stesso titolo per i treni e il trasporto pubblico! Oggi in commissione trasporti davanti a tanti sindaci di partiti diversi favorevoli a questo provvedimento è andato in scena l’ennesimo voltafaccia di Lega, 5 Stelle e Forza Italia. Fino a ieri la giunta lombarda e Fontana sostenevano che dovesse decidere il consiglio. Oggi hanno cambiato idea: il consiglio non conta più mentre serve che tutte le agenzie lombarde siano pronte perché il biglietto integrato venga realizzato. Eppure l’agenzia di Milano sta facendo tutto questo anche perché è previsto dalla legge della stessa Regione! I cittadini lombardi non solo devono subire tagli sul trasporto pubblico da parte di Regione, non solo devono subire ritardi e soppressioni dei treni da parte sempre di Regione, ma devono anche subire i loro ritardi e ostacoli politici per veder bloccato il biglietto integrato che da tanti anni aspettano.