Visualizzazione post con etichetta viviamo vittuone. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta viviamo vittuone. Mostra tutti i post

sabato 27 luglio 2019

VITTUONE Le crisi occupazionali nel territorio si susseguono, ma per contrastarle e vincere la sfida ci vogliono idee e proposte

Ivana Marcioni e Anna Papetti
Il raggiungimento dell'accordo tra le rappresentanze sindacali dei lavoratori di Abb e l’azienda al tavolo di lavoro del Mise è una buona notizia, sia per gli accordi raggiunti a tutela dei lavoratori, sia in ottica di reindustrializzazione della parte del sito interessato. Ivana Marcioni e Anna Papetti, consigliere del gruppo Viviamo Vittuone, in questo nota che pubblico riflettono sulle sfide da sostenere per contrastare e vincere il fenomeno. Noi come consigliere di Viviamo Vittuone abbiamo partecipato, insieme alla segretaria del Partito Democratico di Vittuone, al presidio dei lavoratori del 6 febbraio 2019 davanti ad Abb, al quale era presente l’amministrazione comunale di Vittuone. Alla luce delle continue crisi che si stanno susseguendo nel nostro territorio la preoccupazione è molto forte. Ci troviamo davanti a una realtà lavorativa in continua evoluzione e occorre intervenire a tutti i livelli istituzionali per trovare soluzioni che non lascino i lavoratori e le loro famiglie nell’incertezza, nell’incapacità di arrivare a fine mese e nella mancanza di prospettive, che è la cosa più pericolosa per chiunque. Quello che ci preoccupa di più è la mancanza di prospettive.

mercoledì 17 luglio 2019

VITTUONE "In municipio, solo se pungolati da noi, pubblicizzano i bandi che tornano utili ai cittadini"

Se in municipio non si sbracciano per far conoscere i bandi emessi dalla Regione e da altri enti, ViviAmo Vittuone invece sta ponendo particolare attenzione per fare cosa utile ai vittuonesi. Il gruppo ViviAmo Vittuone si era interessato fin dall’inizio del problema dell’amianto in paese tanto che aveva presentato un’interrogazione in consiglio comunale sul tema. Ma la risposta dell’assessore Mario Scotti non aveva soddisfatto il gruppo. Da qui la decisione di mobilitarsi in proprio per dare una mano ai cittadini. "Consapevoli dell’importanza -affermano le consigliere Ivana Marcioni e Anna Papetti- di un tema che riguarda la salute di tutti noi e del fatto che una rimozione fatta non a regola d’arte o addirittura un abbandono di materiali è un pericolo per la salute di tutti noi, abbiamo ritenuto importante segnalare sulla pagina Viviamo Vittuone la possibilità di accedere a questo bando.

martedì 11 giugno 2019

VITTUONE La legislatura fra refusi e dispetti: il consiglio comunale convocato alle 15,30

Porte girevoli, refusi, figuracce e dispetti... Sì, sembra proprio che la legislatura si stia consumando sulle note del capriccio a dispetto della correttezza e della partecipazione. Infatti, dopo il rinvio dell'altro lunedì del consiglio comunale per il famigerato “Re Fuso”, la seduta è stata convocata alle 15.30, ovvero nell’ora più o meno della merenda. Un modus operandi assurdo in cui il buon senso è scivolato nel magma oscuro della irrazionalità. Eppure  la normativa in materia dice che nei Comuni fino a 15.000 abitanti, le riunioni del consiglio comunale si devono tenere “preferibilmente in un arco temporale non coincidente con l'orario di lavoro dei partecipanti”. Ma  nei piani alti del municipio si fa come pare e piace, senza pensare che i consiglieri lavorano e non gli viene facile conciliare l'una e l'altra incombenza.

venerdì 7 giugno 2019

VITTUONE Il "Re Fuso" fra ironia e imbarazzo: "Qui comando io e questa è casa mia, ogni dì voglio sapere chi viene chi va”


L’ironia a volte fa più di un qualsiasi discorso per quanto bene costruito e argomentato. E già, perché il famigerato "refuso" andato in scena nel consiglio comunale del 3 giugno scorso è diventato un simbolo di come non si governano le istituzioni. E in questa nota del gruppo ViviAmo Vittuone che pubblico si dice con pungente ironia che il mattatore dell'ultima seduta consiliare è stato il signor “Re Fuso”. Sì, cari cittadini e cittadine vittuonesi, vi chiederete chi è questo signore . Il “Re Fuso” è la personificazione della giustificazione che la presidente del consiglio comunale ha dato all’opposizione consiliare nella seduta convocata il 3/6/2019 dopo essere riuscita nell’ordine a: non convocare la capigruppo - incontro che serve a preparare il consiglio comunale non convocare la commissione bilancio - quando all’ordine del giorno del consiglio comunale ci sono punti relativi al bilancio E dulcis in fundo sbagliare la convocazione del consiglio comunale! Ma voi vi chiederete: come è possibile?

mercoledì 22 maggio 2019

VITTUONE Marcioni (ViviAmo Vittuone): "In municipio bocciano le proposte che migliorano la vita dei cittadini, ma per contro recepiscono i diktat provenienti dall'esterno"

"L'amministrazione comunale non fa e men che meno prende in considerazione le nostre proposte che farebbero bene alla comunità". Ivana Marcioni non ci sta all'immobilismo della giunta Zancanaro e attacca. "Come gruppo ViviAmo Vittuone -afferma Marcioni- nell'ultimo consiglio comunale abbiamo presentato tre proposte da inserire nel documento unico di programmazione, proposte che a nostro parere avrebbero portato miglioramenti alla qualità della vita dei vittuonesi.  Ovvero la rivitalizzazione del commercio di vicinato nel centro storico; la realizzazione del parco Villa Venini da intitolare a Carlo Chiodini; la videosorveglianza nei parchi pubblici e nelle aree a verde attualmente ostaggio di vandalismi e abbandono di rifiuti. Ebbene nessuna proposta è stata accettata nonostante non avessero un impatto economico tale da portare squilibri al bilancio comunale del 2019".  In municipio non sono dunque sensibili alle proposte che provengono dalla minoranza.

giovedì 25 aprile 2019

VITTUONE "Gli amministratori quando c'è da partecipare ai bandi regionali per ottenere contributi nascondono come gli struzzi la testa sotto la sabbia..."

Certo che è curioso che in municipio si lamentino per la  carenza di risorse e poi potendo concorrere al rilascio di contributi regionali neppure partecipano ai bandi per avvalersi. Un singolare paradosso che non è sfuggito al gruppo Viviamo Vittuone tanto da spingersi ad assimilare l'amministrazione comunale allo struzzo che nasconde la testa nella sabbia. "Sì, ogni volta che Regione Lombardia apre bandi -afferma la consigliera comunale Ivana Marcioni (ViviAmo Vittuone)- che potrebbero finanziare progetti legati al nostro territorio (perché adesso le cose funzionano così), i nostri amministratori nascondono la testa sotto la sabbia e fanno finta di niente, perdendo così importanti contributi finanziari con i quali si potrebbero realizzare cose altrimenti non possibili. Si è perso il finanziamento per la digitalizzazione del TresArtes, non si è nemmeno tentato di avere il finanziamento per le fototrappole (che altri paesi hanno utilizzato ad esempio per individuare chi lascia i rifiuti in giro per Vittuone o addirittura nelle nostre zone verdi)".

giovedì 28 marzo 2019

VITTUONE La confusione regna sovrana in municipio: la maggioranza si schiera con Viviamo Vittuone sulla proposta della giunta di 'interpretare' il Pgt

I democratici si dichiarano disorientati e allarmati. Il motivo? Ritengono che a Vittuone accadano cose che i comuni mortali fanno fatica ad interpretare. Quali? Per esempio  -spiegano in una nota- nel consiglio comunale di lunedì la maggioranza ha presentato “una interpretazione autentica del piano di gestione del territorio Pgt” che tradotta significa apportare un'integrazione al vecchio Pgt nel 2011, che comprendeva la trasformazione del bosco del Bacin in zona industriale/commerciale e la cessione al Comune della Villa Venini ristrutturata. L’integrazione presentata dall’amministrazione -continua il Pd- non ha convinto i partecipanti al consiglio in quanto nessuno dei presenti (membri della maggioranza compresi) ha capito le motivazioni che sostengono questa richiesta. Le consigliere Ivana Marcioni e Anna Papetti di Viviamo Vittuone hanno subito presentato una richiesta di ritiro motivata dal fatto che sono passati ben 10 anni dalla stipula della convenzione, che, come tutti oramai hanno constatato, è risultata un fallimento totale che ha comportato solo un ulteriore consumo di suolo del nostro territorio.

martedì 22 gennaio 2019

VITTUONE Trasporti locali, ViviAmo Vittuone: "Zancanaro? Un sindaco assente cronico anche nei momenti più importanti per i destini della comunità"

Stefano Zancanaro
Non è andato giù al gruppo ViviAmo Vittuone che il sindaco Stefano Zancanaro, unico fra tutti i primi cittadini dei Comuni metropolitani, non abbia sottoscritto la petizione per i trasporti locali. Una defezione che giudica grave e penalizzante e per di più irrispettosa delle istituzioni e dei vittuonesi. E in questa nota che ricevo e pubblico manifesta il disappunto per una scelta che trova incomprensibile.

martedì 27 novembre 2018

VITTUONE "La sostituzione dei lampioni con quelli a Led? Un gran bel regalo natalizio a Enel"

ViviAmo Vittuone non ci sta che il sindaco Stefano Zancanaro sbandieri entusiasmo sui social, giusto per sviare l’attenzione dei vittuonesi dal caos che accade nella sua maggioranza, per un presunto un finanziamento concesso dal Ministero dell’Interno per l’implementazione della videosorveglianza. E attacca duramente il primo cittadino, reo, a suo giudizio, di osannare il ministro Salvini, del quale ormai sembra essere l’ombra da selfie, ed il Governo gialloverde con lo slogan “dalle parole ai fatti”. La menzogna sta nel fatto che Salvini (in primis) e Zancanaro (di sponda) si appropriano di meriti altrui, poiché il finanziamento statale per “potenziare ed estendere la videosorveglianza e garantire così una maggiore sicurezza ai cittadini” non è da attribuire a un atto dell’attuale Governo Conte, bensì al decreto legge nr. 14 del 20 febbraio 2017. È evidente, anche per i più sprovveduti, che a quella data l’attuale Governo non c’era.

venerdì 14 settembre 2018

VITTUONE “E se fosse mio figlio?” Il dramma dei bambini siriani

"E se fosse mio figlio?". Un tema drammatico che non riguarda la questione “migranti”, ma la condizione dei bambini che soffrono, per le scelte degli adulti, negli scenari di guerra. Che fortuna essere nati qui. Che farei se fossi nato là? … se mio figlio, per pura casualità, fosse nato là? La Siria è martoriata, ma maggiormente colpita è la popolazione infantile, bambini colpevoli di innocenza. Il tema sotto forma di spettacolo teatrale è in programma proprio per stasera, venerdì 14, al teatro Tresartes. L'iniziativa è a cura di ViviAmo Vittuone in collaborazione con le associazioni Cuore nel mondo Onlus e Apoyo Onlus. Interverrano Ivana Marcioni di ViviAmo Vittuone,

mercoledì 29 agosto 2018

VITTUONE Il traffico pesante deviato su via Gran Sasso per salvaguardare i residenti di via Madonna del Salvatore e dintorni da rumori, smog e pericoli?

La decisione de Comune di Corbetta di bloccare il transito dei mezzi pesanti sul tratto della Statale 11 ha finito per riverberarsi negativamente sul territorio di Vittuone e nello specifico sui residenti di via Madonna del Salvatore e dintorni. Da qui nell'ultima seduta consiliare l'interpellanza di Viviamo Vittuone per chiedere come mai in municipio non si è fatto nulla per contrastare la misura del Comune viciniore e per di più l'amministrazione comunale si è distinta non partecipando al confronto sul tema promosso da Città metropolitana. Ma anche per sollecitare l'esecuzione di uno studio sull'impatto ambientale sulla scia del maggior traffico determinato dall'ordinanza di Corbetta.

martedì 21 agosto 2018

VITTUONE Odori sgradevoli ammorbano l'aria del centro urbano nelle ore serali. La segnalazione in municipio della consigliera Marcioni (ViviAmo Vittuone)

Odori che ammorbano l’aria dell’abitato? Secondo la consigliera comunale Ivana Marcioni (Viviamo Vittuone) sgradevoli esalazioni si addensano, soprattutto alla sera, sul territorio urbano. Infatti si è affrettata a segnalare in municipio la circostanza al fine di accertare la causa e intervenire conseguentemente.  Si tratta, a suo giudizio, di odori riconducibili all’allevamento intensivo animale, ovvero di stallatico, liquame e porcilaia avvertiti soprattutto nelle zone di via Zara, via Trieste, via Sabotino, via Montenero specialmente in ore serali. Inoltre nelle zone di via Gandhi e della stazione ferroviaria, a suo dire, è stata rilevata l’emissione nell’ambiente e la presenza di odori che potrebbero essere derivati da attività industriale o da materiale ferroso fuso o ad alta temperatura.

sabato 4 agosto 2018

VITTUONE "I nostri prodi amministratori non perdono occasione per collezionare figuracce"

Ricevo e pubblico questa nota del gruppo consiliare ViviAmo Vittuone sull'ultimo consiglio comunale in cui non sono mancati distinguo e differenze nella maggioranza.
Il consiglio comunale di lunedì 31 luglio è stato convocato alle 11 di mattina, in sordina, contrariamente alle indicazioni della legge che vorrebbe fosse fatto di sera, per favorire la maggior partecipazione dei cittadini, anche di quanti lavorano. Forse la maggioranza pensava che la seduta del consiglio fatta di mattina potesse essere di ordinaria amministrazione, da sbrigare in poco tempo, non è stato così. Anzi, ancora una volta è andata in scena una pessima figura dei nostri amministratori. Infatti, in merito al punto n° 1 che trattava delle variazioni del documento unico di programmazione (DUP) 2018/2020 e dell'assestamento di bilancio si è manifestato un palese disaccordo tra il sindaco e il suo neo assessore Tenti. Dopo un vivace battibecco, la discussione ha portato al voto di astensione dello stesso Tenti e di due altri consiglieri di maggioranza.

lunedì 9 luglio 2018

VITTUONE Doveri istituzionali e colpi di testa, ViviAmo Vittuone all'attacco: "Zancanaro e i suoi se la sono data a gambe"

L'uscita dall'aula consiliare del sindaco Stefano Zancanaro e della maggioranza non poteva non infiammare la vita politico-amministrativa cittadina. Un gesto troppo eclatante per non suscitare polemiche e prese di posizione.  Infatti il gruppo consiliare ViviAmo Vittuone, rappresentato dalle consigliere comunali Ivana Marcioni e Anna Papetti,  in questa nota che ricevo e pubblico bacchetta severamente la compagine amministrativa.  
ViviAmoVittuone aveva presentato una mozione in consiglio comunale per chiedere di conoscere le nuove linee guida dell’amministrazione. Queste linee sarebbero dovute dalla “nuova” maggioranza formatasi con l’ingresso di Enzo Tenti, candidato sindaco avversario e terzo arrivato alla competizione elettorale. Si richiedeva una legittima precisazione e l’informazione alla cittadinanza poiché l’amministrazione ha dichiarato in più forme alla stampa il cambio della linea politica. I programmi elettorali delle due liste, che si erano affrontate duramente, sono sostanzialmente opposti e contrastanti l’uno verso l’altro. 

giovedì 21 giugno 2018

VITTUONE Marcioni (ViviAmo Vittuone) all'attacco: "Cari amministratori, basta con queste sceneggiate, non ci si può fare beffa impunemente delle istituzioni"

Ivana Marcioni
Il rinvio del consiglio comunale a data di destinarsi non poteva non suscitare polemiche sia per la mancanza di motivazioni che per l'improvvisa scomparsa dell'urgenza con cui era stato invece convocato dal sindaco Stefano Zancanaro. Infatti a Ivana Marcioni (ViviAmo Vittuone) non è andato giù l'uso disinvolto che in municipio fanno delle istituzioni. "Il paese è governato -attacca Marcioni- da dilettanti allo sbaraglio, che prima pensano di fare una cosa senza avere i numeri e subito dopo fanno marcia indietro. Il sindaco ha convocato il consiglio comunale senza la riunione dei capigruppo e scavalcando scorrettamente il presidente Livio Fagnani, ma quando si è reso conto che non aveva più la maggioranza e che non tutti i consiglieri avrebbero alzato la mano ha fatto un'incredibile capriola per salvarsi. Non è questo il modo per governare il paese. Se in municipio hanno la propensione di fare i burattinai, allora bisogna dire che gli riesce male, molto male. Non sono come Mangiafuoco della situazione che sapeva condurre abilmente i fili della trama senza farsi scoprire.  In ogni caso non ci si può fare beffa delle istituzioni.

mercoledì 30 maggio 2018

VITTUONE ViviAmo Vittuone "censura" il consigliere Bernacchi per le sue esternazioni su Facebook contro il presidente Mattarella


Il gruppo consiliare ViviAmoVittuone non ha gradito che il consigliere comunale Giancarlo Bernacchi abbia espresso considerazioni non proprio garbate sul presidente della Repubblica. E in questa nota che ricevo e pubblico bacchetta il comportamento del consigliere che su Facebook, a giudizio del gruppo, si è scatenato in espressioni ingiuriose.
Intendiamo denunciare pubblicamente il vergognoso comportamento del consigliere comunale Giancarlo Bernacchi che, cavalcando l’onda di violenza verbale che imperversa a livello nazionale, si è permesso di esprimere su Facebook delle considerazioni ingiuriose nei confronti del presidente della Repubblica, la massima carica dello Stato. Condanniamo nel modo più fermo questo comportamento, perché gravissimo per un cittadino, ma ancor più indegno se tenuto da un rappresentante delle istituzioni.

mercoledì 9 maggio 2018

VITTUONE ViviAmo Vittuone: "La nomina di Tenti ad assessore apre inquietanti scenari a cominciare dalla messa in ombra di Zancanaro"


Ricevo e pubblico questa nota del gruppo VviAmo Vittuone sulla nomina ad assessore di Enzo Tenti e sugli effetti destabilizzanti che ipotizza sulla compagine amministrativa. 
L’ufficializzazione della nomina ad assessore del consigliere Enzo Tenti, avvenuta con la relativa pubblicazione sull’albo pretorio, rappresenta - naturalmente - un fatto di per sé alquanto paradossale che apre certamente nuovi inquietanti scenari.
Il primo: sicuramente la generazione di un importante disequilibrio tra i gruppi consiliari, dato che un consigliere di opposizione (e -probabilmente - anche il suo collega “meloniano”, già eletto nelle file di Zancanaro e poi passato con Tenti) molto probabilmente voterà a favore della maggioranza. In cambio di cosa non è dato saperlo, visto che comunque le sue deleghe saranno appese ad un filo molto sottile, governato dal sindaco.

venerdì 6 aprile 2018

VITTUONE ViviAmo Vittuone: "Se ci fosse stata la videoregistrazione dei consigli comunali i vittuonesi avrebbero potuto vedere gli imbarazzanti silenzi della maggioranza e l'assessore Bergamaschi difendere l'indifendibile"


ViviAmo Vittuone ha più volte chiesto la videoregistrazione dei consigli comunali, ma ancora non è riuscita a ottenerla. Il che ha spinto il gruppo di riportare per i molti che non hanno avuto la fortuna di presenziare alcune considerazioni e commenti sul consiglio comunale di giovedì 29 marzo. Ecco le sue considerazioni. Anche questa volta, come al solito, è andato in scena un altro consiglio comunale degno di essere ricordato, sia per gli imbarazzanti silenzi opposti a tutte le osservazioni che il gruppo ViviAmoVittuone ha sollevato relativamente al Dup 2018/2020 (Documento unico di programmazione) e al bilancio di previsione 2018, sia per la “verve” dimostrata dall’assessore (esterno) Bergamaschi nel difendere l’indifendibile. Il compito gravoso del consigliere di minoranza, se fatto con coscienza, è quello di vagliare, vigilare, controllare l’operato della giunta e di tutelare l'interesse dei cittadini, soprattutto per quanto riguarda l'utilizzo dei soldi pubblici. Il nostro ruolo è difficile, complicato: dobbiamo essere un po’ dei “tuttologi”, capaci perciò di passare da argomenti come le fasce Isee al piano cimiteriale, dalla manutenzione delle strade al verde pubblico, dalla convenzione della Rsa “Il gelso” all’illuminazione pubblica.

mercoledì 31 gennaio 2018

VITTUONE Contributo a 'Paese in festa' e regole eluse, Marcioni (ViviAmo Vittuone): "Assessore Bergamaschi, non siamo nel 'Libero Stato di Vittuone'. Un politico non può fare quel che vuole".

Ivana Marcioni
ViviAmo Vittuone non ci sta alle spiegazioni dell'amministrazione comunale sulla concessione del contributo di 2.0000 euro all'associazione Paese in festa, che, a suo giudizio non aveva i requisiti per poterli ottenere. "L’assessore esterno Maichol Bergamaschi -puntualizza Ivana Marcioni, capogruppo di ViviAmo Vittuone ha risposto che questa era stata una scelta politica. La risposta ovviamente non ci soddisfa. Non abbiamo chiesto di sapere perché sono stati spesi soldi del Comune per finanziare una lotteria, invece di fare altro, ma il perché sono stati dati a una associazione senza rispettare, a nostro parere, le regole di correttezza e trasparenza. Un politico -incalza Marcioni- non può fare quello che vuole, giustificandosi di aver fatto una scelta politica, altrimenti a che cosa servono le regole? Bergamaschi dimentica che egli, come stabilito dallo statuto, essendo assessore esterno, non può fare dichiarazioni di tipo politico. Ad altri, semmai, sarebbe toccato il compito".

mercoledì 17 gennaio 2018

VITTUONE Contributo all'associazione "Paese in festa", anche ViviAmo Vittuone chiede conto alla giunta Zancanaro della generosa liberalità

Non solo i 5 Stelle si sono attivati per chiedere conto all'amministrazione comunale del rilascio di 2.000 euro all'associazione “Paese in festa” (la risposta nel consiglio comunale di domani sera, giovedì 18). Anche il gruppo ViviAmo Vittuone non è stato da meno. Infatti è intervenuto per chiedere spiegazioni alla giunta della sua generosa liberalità con tanto di interrogazione. In concreto ha chiesto all'amministrazione comunale di fornire le seguenti risposte: perché è stato concesso un contributo senza alcun programma, senza nessuna richiesta da parte della associazione, senza alcun preventivo di spesa che l’associazione intende sostenere per le festività natalizie? I protocolli riportati in delibera e richiamati in premessa -puntualizza ViviAmo Vittuone-, si riferiscono infatti alla richiesta di una sede per la neonata associazione e la richiesta di inserimento nell’albo delle associazioni di Vittuone allegando il solo atto costitutivo.